Cerca
Filters
Close
RSS

Blog

ACIDO IALURONICO... lo conosciamo veramente?

 

ACIDO IALURONICO, cos'è e a che cosa serve

 

 

Hyaluronic structure

 

È una sostanza presente naturalmente nel corpo umano, ed è uno dei componenti più importanti dei tessuti connettivi. Idrata e protegge la pelle ed è responsabile della elasticità e della resistenza cutanea. L’acido ialuronico, così come collagene ed elastina, è sintetizzato nel corpo umano da particolari cellule, dette fibroblasti.

La sua concentrazione nei tessuti del corpo tende a diminuire con l’avanzare dell’età.

 

 

 schema pelle

 

L’acido ialuronico, uno dei componenti fondamentali del tessuto connettivo, conferisce idratazione e turgore alla pelle perché è in grado di legare un notevole numero di molecole d'acqua (fino a 10000 molecole di acqua). È anche un efficiente lubrificante articolare prevenendo il danneggiamento dei legamenti e delle articolazioni da stress fisici e ha una funzione di riparazione.

 

Con il passare degli anni la concentrazione di acido ialuronico tende a diminuire nei tessuti e si manifestano i segni tipici dell'invecchiamento: sulla pelle si formano le rughe.

 

 

 

ACIDO IALURONICO NEI DERMOCOSMETICI

 

fiala viso

 

L’acido ialuronico impiegato dei dermocosmetici è generalmente ottenuto per fermentazione enzimatica. Vediamo ora le differenze che caratterizzano l’acido ialuronico a diverso peso molecolare e quando è più opportuno utilizzare un tipo oppure l’altro:

 

 

  • Acido Ialuronico ad ALTO peso molecolare: per una idratazione immediatamente percepibile

Questo tipo di acido ialuronico è capace di trattenere maggiori quantità d’acqua e di agire sullo strato superficiale della pelle, poiché, per via della sua struttura, non è in grado di penetrare in profondità. Questo però permette di creare una sorta di barriera e contrastare la disidratazione della pelle, mantenendo livelli di idratazione cutanea ottimali.

Effetto idratante, tensore e protettivo.

 

 

 

  • Acido Ialuronico a BASSO peso molecolare: effetto idratante duraturo ed azione antirughe

Questo tipo di acido ialuronico trattiene meno acqua rispetto all’acido ialuronico ad alto peso molecolare, ma penetra più in profondità e stimola la naturale produzione di collagene donando idratazione profonda ed elasticità cutanea, con conseguente diminuzione della profondità delle rughe.

Effetto idratante e antirughe.

 viso donna frecce 

 

 

I dermocosmetici Chrea® Helvitasuisse contengono una miscela di acido ialuronico ad alto e basso peso molecolare, la cui proporzione è stata efficacemente studiata e definita, a seconda della linea, per offrire un’IDRATAZIONE ottimale ed un effetto ANTIRUGHE specifico.

 

 

 

 

PEPTIDI: Un prezioso supporto anti-aging In&OUT

 

 COSA SONO I PEPTIDI?

 

I peptidi sono frammenti di proteine composti da due o più aminoacidi, con interessanti applicazioni cosmetiche e nutraceutiche (integratori alimentari), In&Out.

 

spirali in&out

  

 

APPLICAZIONI NUTRACEUTICHE, PER USO ORALE 

In campo nutraceutico si utilizzano peptidi ottenuti dal collagene. La loro funzione principale è contrastare l’assottigliamento del derma, stimolando la produzione di nuovo collagene e contrastare la formazione di rughe di espressione. Gli integratori che contengono i peptidi attivi da collagene, come il nostro Chrea® Raxoda integratore in bustine, sono un valido aiuto per stimolare la formazione di collagene.   

 


bustina rax

 

 

 

APPLICAZIONI COSMETICHE, PER USO TOPICO

La funzione dei peptidi nelle preparazioni topiche è quella di rilassare e distendere i muscoli, simulando quindi l’azione della tossina botulinica. Non a caso questi specifici peptidi vengono chiamati “peptidi ad azione botox-like”. Essi, infatti, distendono visibilmente le rughe d’espressione fin dai primi utilizzi, facendo apparire l’incarnato fresco e levigato… un vero e proprio elisir di giovinezza!

 
RAXODA COSMETICI

 

 

 

... E PER CHI SI SOTTOPONE A TRATTAMENTI "BOTOX"

I peptidi utilizzati nei cosmetici di tutte le linee Chrea® ed in particolare nei cosmetici della linea Chrea® Raxoda, secondo comprovati studi clinici, potenziano e prolungano di circa TRE VOLTE l'effetto antirughe della tossina botulinica di tipo A.

 

 

 

 

In TUTTI i prodotti della linea Chrea® Helvitasuisse, i peptidi sono largamente utilizzati a concentrazioni elevate ed è questo, che insieme ad altre preziose sostanze attive come l’acido ialuronico ad alto e basso peso molecolare o gli estratti naturali più pregiati di origine vegetale, rende i nostri prodotti davvero unici ed EFFICACI.

Un prodotto che soddisferà piacevolmente fin dal primo utilizzo!!

Beauty from within.

 

 donna frecce

Vitamina C… anche per la pelle!

Siamo a fine estate e molti di noi si sono regalati una bella abbronzatura al mare o in montagna. Purtroppo però, pur con l'adeguata protezione solare, la nostra pelle ha subito uno stress ossidativo. Vediamo allora come sfruttare le proprietà benefiche di una vitamina molto nota, la Vitamina C, per minimizzare gli eventuali danni provocati dai raggi UV.  

 

La Vitamina C è largamente conosciuta soprattutto per combattere le malattie da raffreddamento, ma in realtà possiede numerosissime altre rilevanti proprietà, alcune delle quali riguardano proprio la pelle.

La Vitamina C o Acido ascorbico è un potente antiossidante, il cui apporto è fondamentale per il benessere del nostro organismo. Tra le molteplici attività, la Vitamina C aiuta a proteggere la pelle dall’ossidazione e dall’invecchiamento e contestualmente promuove la formazione di nuovo collagene, elemento fondamentale per l’elasticità e il sostegno dei tessuti.

Può rivelarsi altresì un valido aiuto nel contrastare i danni provocati dai raggi UV. Studi clinici dimostrano che 500-1000 mg di Vitamina C al giorno contribuiscono a proteggere la pelle dai danni provocati dai raggi UV.

 

Dove si trova in natura la Vitamina C?

Principalmente nella frutta e nella verdura fresche. Questa è peraltro la fonte ideale per l’assunzione di tale vitamina.

 

 

Vediamo alcuni contenuti di Vitamina C nei vegetali: un’arancia media ne apporta circa 70 mg, un kiwi medio 64 mg, mezza tazza di fragole fresche 50 mg; un pomodoro 17 mg.

Attenzione, però, la Vitamina C nella frutta e nella verdura si degrada velocemente... i principali fattori che ne causano il decadimento sono: la conservazione, la luce, il calore (la cottura è un fattore negativo molto rilevante). Pertanto per garantire un adeguato apporto di Vitamina C, è necessario tenere sempre conto di questi elementi.

La razione giornaliera raccomandata, ovvero il valore nutritivo di riferimento, per la Vitamina C è 80 mg [Regolamento UE 1169/2011]. Ciò significa che, mediamente, per un soggetto sano, il fabbisogno giornaliero di Vitamina C è 80 mg. Vi sono però individui che necessitano un apporto decisamente maggiore di Vitamina C. Tra questi:

- fumatori (attivi e passivi)

- individui che si alimentano con una limitata varietà di cibi

- individui con problemi di malassorbimento e con certi disturbi cronici

- persone che si espongono per lungo tempo al sole o che utilizzano lampade abbronzanti

- chi pratica sport a livello agonistico o si sottopone ad allenamenti molto intensi

 

 

 

Purtroppo non sempre si ha la possibilità di assumere la giusta quantità di questa preziosa vitamina attraverso fonti naturali e allora… ben vengano gli integratori alimentari, purché contengano Vitamina C in forma stabilizzata o associata ad un altro potente antiossidante come la Vitamina E.  

Nella gamma Helvitasuisse si annovera l'integratore alimentare Chrea® ANTIOX, a base di Vitamina C stabilizzata, Vitamina E e numerosi altri principi attivi a conclamata attività antiossidante e antiradicali.

 

 

 

Bibliografia

1. Lorencini M, Brohem CA, Dieamant GC, Zanchin NI, Maibach HI. Active ingredients against human epidermal aging. Ageing Res Rev. 2014 May;15:100-15. doi: 10.1016/j.arr.2014.03.002. Epub 2014 Mar 25. Review. PubMed PMID: 24675046.

2. Shibuya S, Ozawa Y, Toda T, Watanabe K, Tometsuka C, Ogura T, Koyama Y, Shimizu T. Collagen peptide and vitamin C additively attenuate age-related skin atrophy in Sod1-deficient mice. Biosci Biotechnol Biochem. 2014;78(7):1212-20. doi: 10.1080/09168451.2014.915728. Epub 2014 May 28. PubMed PMID: 25229861.

3. Frei B, Birlouez-Aragon I, Lykkesfeldt J. Authors' perspective: What is the optimum intake of vitamin C in humans? Crit Rev Food Sci Nutr. 2012;52(9):815-829.  (PubMed)

4. Levine M, Rumsey SC, Daruwala R, Park JB, Wang Y. Criteria and recommendations for vitamin C intake. JAMA. 1999;281(15):1415-1423.  (PubMed)

5. Lykkesfeldt J, Poulsen HE. Is vitamin C supplementation beneficial? Lessons learned from randomised controlled trials. Br J Nutr. 2010;103(9):1251-1259.  (PubMed)

6. Sauberlich, HE. A history of scurvy and vitamin C. In Packer, L. and Fuchs, J, eds. Vitamin C in health and disease. New York: Marcel Decker Inc. 1997: pages 1-24.

7. Li Y, Schellhorn HE. New developments and novel therapeutic perspectives for vitamin C. J Nutr 2007;137:2171-84. [PubMed abstract]

8. Carr AC, Frei B. Toward a new recommended dietary allowance for vitamin C based on antioxidant and health effects in humans. Am J Clin Nutr 1999;69:1086-107. [PubMed abstract]

9. Frei B, England L, Ames BN. Ascorbate is an outstanding antioxidant in human blood plasma. Proc Natl Acad Sci U S A 1989;86:6377-81. [PubMed abstract]

10. Jacob RA, Sotoudeh G. Vitamin C function and status in chronic disease. Nutr Clin Care 2002;5:66-74. [PubMed abstract]

11. Gershoff SN. Vitamin C (ascorbic acid): new roles, new requirements? Nutr Rev 1993;51:313-26. [PubMed abstract]

12. Weinstein M, Babyn P, Zlotkin S. An orange a day keeps the doctor away: scurvy in the year 2000. Pediatrics 2001;108:E55. [PubMed abstract]

 

Pelle impura: un aiuto in primavera

Con l’arrivo della primavera percepiamo un maggior desiderio di prenderci cura della nostra salute e del nostro aspetto.

In questo post ci concentreremo sulla pelle, nello specifico la pelle del viso che spesso riflette le condizioni del nostro organismo. Ovvero, come aiutare la nostra pelle ad apparire più sana con un’alimentazione appropriata e l’utilizzo di prodotti detossinanti: integratori alimentari e dermocosmetici specifici.

I cibi tipici del periodo pasquale possono diventare causa di impurità ed imperfezioni cutanee. Cioccolato, carne, insaccati e bevande frizzanti sono alimenti deleteri per la nostra pelle.

E’ quindi fondamentare ridurre cibi preconfezionati (ricchi di sale e additivi) e sostituire pasta e pane bianchi con versioni integrali. Il latte e i suoi derivati sono altri famosi nemici delle impurità, di conseguenza è consigliato evitarne il consumo eccessivo. E naturalmente… i dolci. Che insieme ai derivati del latte sono la principale causa di brufoli e visibili irritazioni della pelle.

Anche lo stress incide sulla salute della pelle. Ansia, stress e stanchezza possono avere un effetto negativo su di essa: inoltre può crearsi un circolo vizioso, perché lo stress causa problemi alla pelle e i problemi alla pelle causano stress! Una pelle grassa e acneica è spesso conseguenza di uno stile di vita stressato, lo stress aumenta la produzione di cortisolo e altri ormoni che vanno a condizionare la secrezione di sebo. Le lesioni dell’acne possono causare infiammazioni, infezioni e lasciare segni sulla pelle. Quali sono invece gli alimenti, in particolare vegetali, che promuovono la depurazione dell’organismo?

Spesso i vari disturbi della pelle, sono l’espressione di uno squilibrio interno, proprio per questo sono importanti quelle piante che agiscono direttamente su organi interni, come il fegato, portando effetti benefici e visibili anche a livello cutaneo.

Vi sono piante che stimolano la naturale azione depurativa del fegato e che contribuiscono ad eliminare le tossine dall’organismo e dalla pelle. Tra queste il tarassaco che stimola la funzionalità biliare, epatica e renale, l’ortica, che presenta azione depurativa, diuretica e alcalinizzante il carciofo, grande alleato del fegato per l’effetto depurativo e per l’effetto positivo sull’ipercolesterolemia e il rosmarino, come depurativo del fegato, come tonico e digestivo. Anche il crescione è un potente detossinante naturale: una pianta aromatica annuale ottima per molte ricette; si può mangiare in insalata, con un sapore piccante e acre; ha virtù depurative, diuretiche.

Se poi non si riesce ad aiutare la pelle attraverso l’alimentazione, si possono utilizzare trattamenti specifici detossinanti sotto forma di integratori alimentari e dermocosmetici.

Un aiuto può arrivare dal trattamento detossinante Chrea DETOX che “aggredisce” le tossine endogene attraverso l’integratore Chrea DETOX in capsule e le tossine esogene accumulate sulla pelle con i dermocosmetici della stessa linea: Chrea DETOX Serum, Chrea DETOX Cream e Chrea DETOX Face Mask.

Applicazione Chrea Detox

L’integratore alimentare Chrea DETOX, contribuisce a depurare in profondità. Grazie all’azione di antiossidanti e sostanze stimolanti l’attività epatica, il fegato ritrova la naturale funzione depurativa e la pelle riflette un aspetto sano e luminoso.

Il trattamento specifico Chrea DETOX aiuta a contrastare la pelle impura anche a livello topico, con i dermocosmetici. Il trattamento cutaneo include il siero, Chrea DETOX Serum, da applicare su viso, collo e décolleté la mattina e la sera prima della crema viso, la Chrea DETOX cream. Nella linea, oltre al siero e alla crema, troviamo la maschera viso, Chrea DETOX Face Mask, da applicare sul viso per 5-10 minuti e quindi rimuovere con una spugnetta umida e sciacquare abbondantemente. 

top